La vita nei nostri Hospice

Sostieni la cura del dolore e le cure palliative

La vita nei nostri Hospice

Sostieni la cura del dolore
e le cure palliative

La vita nei nostri Hospice

Sostieni  le cure palliative

HOME → Cosa facciamo → Gli Hospice

Quando le medicine non sono più in grado di guarire, il ricovero in ospedale diventa inutile

assistenza in hospice

I nostri Hospice

Hospice: termine inglese che indicava le antiche case di riposo ai margini dei percorsi dei pellegrinaggi religiosi

In situazioni in cui è necessario il ricovero del malato in una struttura di tipo ospedaliero, per la gravità del paziente e la difficoltà di provvedervi in casa, l’Associazione ha realizzato e reso operativi due Hospice (Albaro e Bolzaneto).

L’Hospice costituisce perciò un’integrazione della rete di assistenza domiciliare condotta dall’Associazione o da altre strutture sanitarie.
Con queste possibilità è assicurata quindi la continuità assistenziale delle cure palliative a molti malati che diversamente sarebbero costretti a ricoveri negli ospedali ove con più difficoltà potrebbero ricevere cure adatte ai loro bisogni.

leggi di più

L’assistenza in Hospice è totalmente gratuita. In ciascun Hospice opera una struttura sanitaria, costituita da un medico, responsabile della struttura, un coordinatore infermieristico e operatori sanitari che garantiscono assistenza nell’arco delle 24 ore.
I volontari dell’Associazione, distribuiti su turni settimanali, garantiscono i servizi complementari (accettazione, compagnia ai malati ed ai familiari, piccoli servizi accessori…)
L’assistenza è totalmente gratuita.
L’accesso ai familiari è aperto su tutte le 24 ore. Diritti e doveri dei pazienti e dei familiari sono riportati nella carta dei servizi di ciascun Hospice. Le due strutture, che svolgono l’attività in regime di Accreditamento con la Regione Liguria, sono dotate di locali di servizio, soggiorni, sale riunioni, un’aula attrezzata per la formazione.
Gli Hospice sul territorio della Asl 3 “Genovese” sono tre (Gigi Ghirotti – Albaro, Gigi Ghirotti – Bolzaneto e Maria Chighine/Padiglione Maragliano, Ospedale Policlinico San Martino) collegati tra loro tramite la Rete di cure palliative regionale.

I

I nostri Hospice

 

L’Associazione gestisce due dei tre Hospice situati sul territorio di competenza della ASL3 Genovese: l’Hospice di Albaro e l’Hospice di Bolzaneto.
Il personale è costantemente affiancato dai Volontari

Hospice di Bolzaneto

Hospice di Bolzaneto

Operativo dall’anno 2002, l’Hospice di Bolzaneto è collocato al IV piano della struttura Sanitaria residenziale Carolina Pastorino sita in Piazza Ospedale Pastorino 3 in Genova Bolzaneto. La struttura è sviluppata sull’intero piano e offre 12 camere singole per i degenti, una sala infermieristica presidiata, una sala soggiorno con televisore, ristoro, biblioteca, ambulatorio, studio medico, sala di raccoglimento, sala formazione e riunioni d’equipe.
Le camere dell’Hospice sono climatizzate per i periodi estivi e riscaldate per quelli invernali.

Servizi dell'Hospice di Bolzaneto

Servizi dell’Hospice di Bolzaneto

Nell’Hospice sono presenti sia l’impianto di illuminazione di emergenza, sia quello di gas medicali; gli impianti sono di proprietà e gestiti dalla ASL che provvede, di conseguenza, alle verifiche periodiche.
Le camere sono corredate per la permanenza di un accompagnatore anche per 24 ore su 24. Le camere sono fornite di bagno singolo e arredate con un letto tipo ospedaliero comandato elettricamente, armadio, televisore, letto/divano per accompagnatore, frigorifero, telefono diretto.

Hospice di Albaro

Hospice di Albaro

L’Hospice di Albaro, operativo dall’anno 2010, è ubicato in Via Montallegro 50. La struttura che ospita i pazienti è distribuita su tre piani ed offre 18 stanze singole di cui 5 dedicate ai malati di SLA. i primi due piani sono riservati alle cure palliative, in prevalenza dedicati ai malati oncologici, l’ultimo piano è riservato ai pazienti affetti da SLA che richiedono apparecchiature ed assistenza di tipo particolare. Sono a disposizione dei pazienti e dei familiari sale d’incontro e spazi esterni alla struttura, angoli di ristoro. Il personale ha ha disposizione ampi spogliatoi, luoghi di incontro, sale di formazione, uffici attrezzati.

Servizi dell'Hospice di Albaro

Servizi dell’Hospice di Albaro

Tutti gli ambienti sono climatizzati per i periodi estivi ed invernali con temperature delle camere dei pazienti regolate singolarmente. La struttura dispone di un impianto di alimentazione elettrica di emergenza.
Come nell’Hospice di Bolzaneto le camere sono corredate per la permanenza di un accompagnatore anche per 24 ore su 24. Le camere sono fornite di bagno singolo e arredate con un letto tipo ospedaliero comandato elettricamente, armadio, televisore, letto/divano per accompagnatore, frigorifero, telefono diretto. Le camere dedicate ai pazienti affetti da SLA sono fornite inoltre delle seguenti attrezzature: sollevatore a parete, videocamera, sistema di chiamata adattabile al presidio personalizzato.

I nostri Hospice

L’Associazione gestisce due dei tre Hospice situati sul territorio di competenza della ASL3 Genovese: l’Hospice di Albaro e l’Hospice di Bolzaneto.
Il personale è costantemente affiancato dai Volontari

Hospice di Bolzaneto

Hospice di Bolzaneto

Operativo dall’anno 2002, l’Hospice di Bolzaneto è collocato al IV piano della struttura Sanitaria residenziale Carolina Pastorino sita in Piazza Ospedale Pastorino 3 in Genova Bolzaneto. La struttura è sviluppata sull’intero piano e offre 12 camere singole per i degenti, una sala infermieristica presidiata, una sala soggiorno con televisore, ristoro, biblioteca, ambulatorio, studio medico, sala di raccoglimento, sala formazione e riunioni d’equipe.
Le camere dell’Hospice sono climatizzate per i periodi estivi e riscaldate per quelli invernali.

Servizi dell'Hospice di Bolzaneto

Servizi dell’Hospice di Bolzaneto

Nell’Hospice sono presenti sia l’impianto di illuminazione di emergenza, sia quello di gas medicali; gli impianti sono di proprietà e gestiti dalla ASL che provvede, di conseguenza, alle verifiche periodiche.
Le camere sono corredate per la permanenza di un accompagnatore anche per 24 ore su 24. Le camere sono fornite di bagno singolo e arredate con un letto tipo ospedaliero comandato elettricamente, armadio, televisore, letto/divano per accompagnatore, frigorifero, telefono diretto.

Hospice di Albaro

Hospice di Albaro

L’Hospice di Albaro, operativo dall’anno 2010, è ubicato in Via Montallegro 50. La struttura che ospita i pazienti è distribuita su tre piani ed offre 18 stanze singole di cui 5 dedicate ai malati di SLA. i primi due piani sono riservati alle cure palliative, in prevalenza dedicati ai malati oncologici, l’ultimo piano è riservato ai pazienti affetti da SLA che richiedono apparecchiature ed assistenza di tipo particolare. Sono a disposizione dei pazienti e dei familiari sale d’incontro e spazi esterni alla struttura, angoli di ristoro. Il personale ha ha disposizione ampi spogliatoi, luoghi di incontro, sale di formazione, uffici attrezzati.

Servizi dell'Hospice di Albaro

Servizi dell’Hospice di Albaro

Tutti gli ambienti sono climatizzati per i periodi estivi ed invernali con temperature delle camere dei pazienti regolate singolarmente. La struttura dispone di un impianto di alimentazione elettrica di emergenza.
Come nell’Hospice di Bolzaneto le camere sono corredate per la permanenza di un accompagnatore anche per 24 ore su 24. Le camere sono fornite di bagno singolo e arredate con un letto tipo ospedaliero comandato elettricamente, armadio, televisore, letto/divano per accompagnatore, frigorifero, telefono diretto. Le camere dedicate ai pazienti affetti da SLA sono fornite inoltre delle seguenti attrezzature: sollevatore a parete, videocamera, sistema di chiamata adattabile al presidio personalizzato.

Cure in hospice

Come accedere alle cure in Hospice

Gli Hospice sul territorio della Asl 3 “Genovese”  sono tre (Gigi Ghirotti – Albaro, Gigi Ghirotti – Bolzaneto e Maria Chighine/Ist) collegati tra loro tramite la rete di cure palliative.

I pazienti accolti in Hospice devono rispondere ai criteri di eleggibilità. Nel caso in cui tutti i requisiti siano soddisfatti occorre che venga compilata la “Proposta di ricovero in Hospice” modello condiviso da tutta la Rete Genovese di C.P.  Il modulo di richiesta di ricovero prevede che il paziente possa scegliere in quale struttura essere ricoverato.

criteri di eleggibilità
  • Malati con neoplasia in fase avanzata, ove non siano più indicati trattamenti volti alla guarigione o al rallentamento della malattia (chirurgia, chemioterapia, radioterapia).
  • Età maggiore di 18 anni.
  • Necessità di cure palliative specialistiche.
  • Sopravvivenza stimata inferiore a tre mesi.
  • Non autosufficienza funzionale (indice di Karnofsky uguale o inferiore a 40).
  • Non praticabilità dell’assistenza domiciliare (a giudizio del medico della rete di cure palliative che propone il ricovero).
  • Malati non in morte imminente.
  • Consenso del paziente al piano di cure.

Cure in hospice

Modalità di Accesso alle cure

Esiste una procedura per la valutazione del paziente.

Chi la attiva:

  • per i pazienti a domicilio: il medico della rete di cure palliative domiciliare che ha in carico il malato (sia dell’Associazione Gigi Ghirotti che della Asl 3 Genovese);
  • per i pazienti ricoverati in ospedale (o in altra struttura) la valutazione avviene dal medico.

Cure in hospice

Quando avviene il Ricovero

Successivamente il familiare del paziente viene contattato dall’Hospice per un colloquio volto a valutare i bisogni del paziente e dei familiari.

Dopo il colloquio il paziente verrà ricoverato o inserito in una lista d’attesa.

La lista d’attesa segue un criterio cronologico entro il quale esistono 4 ordini di priorità:

  • pazienti già ricoverati precedentemente in Hospice;
  • pazienti a domicilio;
  • pazienti per i quali si renda necessario un periodo di durata limitata per particolari esigenze terapeutiche o “di sollievo” per la famiglia;
  • Malati ricoverati in ospedale o in strutture socio-assistenziali per i quali il medico della rete riconosca l’impossibilità dell’assistenza domiciliare.